Yena

Yena
2016
Alternative Rock Italiano

La band friulana YENA ha pubblicato il primo EP omonimo “Yena” venerdì 25 novembre 2016 per Jack Rock Records. Quattro i brani che formano il primo lavoro di debutto, vantando la registrazione e la produzione di Andrea Rigonat, noto chitarrista e produttore italiano (ELISA, TIZIANO FERRO tra gli altri) e da Henry Stills Productions.

Il primo singolo estratto è “Migliore” e verrà pubblicato il 16 novembre, per anticipare l’uscita dell’intero lavoro. Il video è stato diretto e prodotto da Andreas Bucovaz / Pe Cata (deltagroupstudio.com) e girato presso gli UPONADREAM Studios a Gemona (UD).

Official Video > www.youtube.com/watch?v=NaIFH-0slRU

TRACKLIST
1. MIGLIORE
2. UNICI
3. LUCIA
4. VELENO

CONCEPT
I nostri testi sono sempre legati l’uno all’altro, sia per la scelta delle parole che concettualmente:
“Migliore” rappresenta la rincorsa odierna a mostrarsi invece che conoscersi. Vorremmo tutti poter fare si che il peccato ci rendesse migliori e allo stesso tempo cerchiamo una vita nelle vite degli altri.
“Unici” rappresenta la fine delle aspettative adolescenziali, dove si ragionava in grande sperando di poter essere riconosciuti come i migliori, gli unici, ma venendo nascosti in una massa incolore. I social stanno enfatizzando il problema.
Poi c’è “Lucia”, la storia di una ragazza che dopo aver fatto tutto quello che doveva per poter essere accettata ed essere felice, decide di smettere di combattere e di lasciarsi andare. Parla del suicidio, della scelta e del giudizio e ci spiega che l’assenza di giudizio può salvare una vita e renderla Migliore. In questo modo il cerchio si chiude.
“Veleno” è la rappresentazione dell’invidia, di chi per coprire le proprie mancanze avvelena le proprie possibilità. Il veleno diventa poi una dipendenza sociale per paura di rimanere soli.
Gli YENA nascono nel 2014 a Udine, dall’unione di cinque musicisti provenienti da band e stili musicali differenti. La musica proposta è un intrigante mix di chitarre pesanti e scure con il gusto melodico e poetico proprio del cantato in italiano.
I testi parlano di quotidianità, di quella sottile linea tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato che spesso confondiamo nella costruzione delle nostre anime.
L’attività live li porta a partecipare ad importanti festival nazionali tra cui il Collisioni Festival a Barolo (CU), dividendo il palco con band come PUNKREAS, DESTRAGE, PLAN DE FUGA, TALCO.

Matteo Bellotto: Voce
Alessio Tassotto: Voce
Roberto De Bellis: Chitarra
Francesco Corazza: Basso
Alessandro Piputto: Batteria